Mafia: intestazione fittizia, assolto

Si chiude tra prescrizioni e assoluzioni il processo per intestazione fittizia a carico del costruttore Francesco Francofonti, ritenuto vicino alla cosca mafiosa di Brancaccio, di Antonino Vernengo, esponente della omonima famiglia mafiosa e di tre donne Rosa Francofonti, figlia dell'imputato, Giuseppe Provenzano, moglie di Vernengo, e Angela Caruso. Secondo l'accusa Francofonti e Vernengo avrebbero in una prima fase intestato fittiziamente alle tre donne la società Palermo Recuperi srl per sottrarla alle misure di prevenzione e anni dopo avrebbero ceduto loro quote dell'attività. Per l'ipotesi di intestazione fittizia gli imputati sono stati tutti assolti; per la cessione delle quote le tre presunte prestanome sono state scagionate, mentre per Vernengo e Francofonti, caduta l'aggravante mafiosa, è stata dichiarata la prescrizione. I fatti sono del 2008.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Giornale di Sicilia
  2. Live Sicilia
  3. Giornale di Sicilia
  4. Palermo Today
  5. La Sicilia Web

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Borgetto

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...